Katrin wohnt colorful
Storie di casa

Homestory: colorata come la vita stessa

Mi chiamo Katrin (@katrin_wohnt_colorful), ho 38 anni, sono Visual Merchandising Manager, mamma di due bambine incantevoli, sposata, adoro il caffè e la decorazione degli interni. Le mie passioni più grandi sono i colori, i fiori, il vintage, tutto ciò che serve a decorare e a creare un ambiente confortevole. Le mie ispirazioni sono nate tutte nella nostra casa, che mio marito Sven e io abbiamo costruito nel 2017 e in cui ora viviamo assieme alle nostre figlie Marlene e Klara. Ogni giorno è pieno d’amore, diverso dagli altri e carico di colori. Nel 2019 abbiamo realizzato il nostro sogno di una roulotte sul mar Baltico e da allora siamo appassionati di glamping. Aspettando di poter vivere in modo permanente sul mar Baltico, ci occupiamo di abbellire la nostra casa di proprietà, nella campagna tra Amburgo e Brema. Oggi vi mostro la nostra cucina.
Venite con me 😊.

1. Hai dei suggerimenti su come integrare elementi decorativi colorati in un ambiente?
È bene scegliere soluzioni che si abbinino al colore delle pareti. Di solito prediligo elementi che si inseriscono perfettamente nel contesto cromatico dell’ambiente.

2. Come si può portare più colore in cucina?
Adoro gli accessori colorati, come vasi, fiori, strofinacci od oggetti in ceramica. Si possono sostituire facilmente in modo da creare una nuova storia con nuovi colori. Sono una grande fan di pareti che contrastano con il resto dell’ambiente e di poster veloci da sostituire.

3. Secondo te che colori possono essere combinati per ottenere un risultato particolarmente buono?
Giallo, giallo e giallo 😉. E poi si possono aggiungere un viola chiaro e un po’ di rosa. La combinazione di questi colori crea un’atmosfera calda e vivace che mi piace molto. Inoltre apprezzo da sempre l’abbinamento con il rame. Con piante e fiori freschi c’è sempre un tocco di verde che irradia naturalezza e freschezza.

4. Adori i colori, ma la tua cucina è in sé piuttosto semplice. Perché?
Questa è una domanda interessante 😉. All’inizio, durante la pianificazione dell’arredamento degli interni, volevamo una cucina color talpa extralucido. All’ultimo incontro per la progettazione avevo già scelto tutti i colori degli interni e il resto dell’arredamento. Tenendo conto dell’impressione generale e del pavimento ho preferito poi optare per la cucina chiara con il piano di lavoro. Emana un senso di tranquillità e si abbina sempre alle mie nuove idee cromatiche.

5. Da dove prendi ispirazione?
Mi occupo di decorazioni di interni da tutta la vita😊, è sempre stata la mia passione e oltre 20 anni fa ho assolto una formazione come vetrinista. Ho sempre la testa piena di nuove idee e trovo spesso ispirazione in riviste, nelle mie figlie, nella natura o anche su Instagram.

6. In fatto di colori si possono fare anche tanti errori, vero? Come riesci a fare in modo che le tue decorazioni non risultino disordinate?
Ne sono assolutamente convinta. Ognuno ha dei colori preferiti o un’idea dei colori con cui desidera arredare la propria casa, e dovrebbe anche seguire tali preferenze. Tuttavia si dovrebbe prestare attenzione all’effetto creato dai colori ed evitare di impiegare troppi colori primari. Io scelgo spesso sfumature e utilizzo ripetutamente gli stessi colori. L’effetto di “ordine” a casa nostra deriva dal fatto che il sistema di colori si ritrova in tutte le stanze e nell’intera casa.

7. Qual è il tuo colore preferito e come l’hai integrato a casa tua?
Decisamente il giallo. Amo il calore, la vivacità e l’atmosfera positiva che irradia. Ho dipinto di giallo alcune pareti che contrastano così con il resto dell’ambiente e impiego diversi elementi d’arredo come vasi, candele, quadri e stoffe che abbino in diversi modi.

8. Sei estremamente creativa e ami anche il fai da te. Hai già impiegato il fai da te anche per la cucina?
È un esperimento che dovrei senz’altro tentare 😊. Finora ho modificato solo il piccolo guardaroba. L’ho dipinto e ho applicato delle maniglie.

9. Avreste potuto prendere in considerazione anche un fronte colorato?
Certamente. Ci sono così tanti colori, fronti e rubinetterie davvero stupendi. Se potessi, farei apparire per magia ogni mese una cucina diversa 😊.

10. I piatti che cucini sono altrettanto colorati e originali come le tue decorazioni?
Cuciniamo in modo consapevole, impiegando ingredienti freschi provenienti da fattorie locali. Al momento non si tratta di creazioni originali. Le due bambine apprezzano soprattutto piatti “normalissimi”, come purè di patate con carote, sformato di verdure o riso al latte.

11. Avendo alle spalle l’esperienza della progettazione della cucina, hai dei suggerimenti sui punti a cui fare attenzione?
Prima di decidere abbiamo replicato le dimensioni dell’isola di cottura sul pavimento con del nastro adesivo, per capire se lo spazio circostante era sufficiente. Lo farei sempre di nuovo.

Per me era importante anche avere abbastanza luce, non troppi pensili e ante uguali nella cucina e nell’office. Abbiamo inserito la stretta finestra che sembra quella di una reception per poter ammirare il tramonto la sera e spaziare con lo sguardo nel giardino mentre si cucina.

12. Cosa non deve assolutamente mancare nella tua cucina?
L’isola di cottura con il bancone, cassetti ben organizzati, gli oggetti in ceramica artigianale, i fiori, i vasi, il caffè e la musica.

13. Anche le tue figlie si divertono a cucinare? La più grande ha 6 anni e dà volentieri una mano quando si tratta di torte, budino o pizza 😊.La piccola ha appena compiuto un anno e al momento vuole provare tutto.

14. Attorno alla vostra casa c’è uno stupendo prato fiorito! E anche nel tuo feed si trovano tanti fiori. Cosa significano per te e che ruolo rivestono nelle tue decorazioni?
Semplicemente: amo i fiori. La loro meravigliosa bellezza naturale spesso sembra quella di un dipinto. Regalano a ogni ambiente un’atmosfera particolare e si possono usare in diversi modi. Il prato fiorito è un sogno. Il nostro comune ha seminato molti fiori nei parchi, e questa è una cosa semplicemente meravigliosa.

15. Cosa c’è alle spalle di #vasenmove?
Ho dato inizio al mio feed nel novembre dell’anno scorso. A causa del coronavirus ci siamo trovati tutti a casa per quasi sei mesi, senza incontri, feste ecc. Tutti hanno vissuto questa esperienza a casa. Quando ho radunato tutti i vasi per fare una foto ho pensato a tutti quelli che erano a casa come me e mi è sembrata una buona idea mostrare solidarietà e invitare tutti su un “vasenmove” su Instagram.

16. Cosa significa per te la vita in cucina?
Trascorro molto tempo in questa stanza che per me è rifugio, posto di ritrovo e cuore della casa in uno. La nostra zona giorno è aperta e se lavoro in cucina posso vedere bene cosa fanno le bambine in soggiorno. Mangiamo molto spesso al bancone, ci raccontiamo le nostre giornate o beviamo il caffè.

17. Hai costruito la casa nel 2017, che suggerimenti ti sono mancati prima di iniziare i lavori e che vorresti ora dare agli altri?
Abbiamo ricevuto un’ottima assistenza e consulenza, e questo è sicuramente il meglio che possa succedere. È una cosa a cui farei sempre attenzione. I lavori specializzati devono essere affidati agli esperti. Visualizzare il risultato concreto aiuta moltissimo, e la progettazione è tutto 😊.